In manutenzione

 
  • 1_Thermofocus_01500A3_luci
  • Thermofocus_puntamento_C
  • 3_thermofocus_1600
  • 4_Thermofocus_01500A3_BIVAL

Thermofocus 01500A3

€69.00

Thermofocus è un termometro senza contatto, ideato per permettervi di misurare la temperatura al vostro bambino senza neanche toccarlo.

COD: Thermofocus 01500A3.

Descrizione prodotto

min

Thermofocus® è il primo termometro clinico a distanza nel mondo, frutto di una serie di brevetti internazionali.

Thermofocus è un termometro senza contatto, ideato per permettervi di misurare la temperatura al vostro bambino senza neanche toccarlo.
Con Thermofocus, misurare la temperatura al vostro bimbo diventa un gesto tenero come una carezza.
Basta avvicinare Thermofocus alla fronte del vostro bambino per rilevare in pochi istanti la sua temperatura corporea.

Thermofocus è utile per i bimbi e pratico anche per gli adulti, perché la misurazione della temperatura è rapida, precisa, igienica, ed effettuabile in grande comodità.

CERTIFICAZIONI
Thermofocus® è stato messo a punto con la collaborazione della Clinica Pediatrica De Marchi dell’Università di Milano. E’ un dispositivo medico Classe IIa conforme alla Direttiva 93/42CEE, certificato da organismi esterni come IMQ (CE 0051). Il termometro è stato testato secondo i criteri stabiliti dallo Standard ASTM E 1965-98(2009) ed è approvato anche dalla FDA americana, dal Koseisho giapponese, dal TGA Australiano e da numerosi altri enti internazionali. Grazie a Thermofocus®, Tecnimed è stata recentemente insignita del prestigioso riconoscimento Frost & Sullivan Innovation Award 2008, che ha premiato il prodotto per le sue caratteristiche tecnologiche uniche, innovative ed efficaci nell’ambito della tutela della salute.

Thermofocus esiste in diversi modelli:

Mod. 0700A2 Essential

E’ la versione base di Thermofocus.
Utile in famiglia per avere misurazioni precise della temperatura corporea, semplicemente avvicinando il termometro al centro della fronte senza neanche toccarla. Sottraendo il valore indicato sull’etichetta posta sul retro del prodotto, è possibile ottenere una valida misurazione della temperatura di oggetti come il biberon, la minestrina o l’acqua del bagnetto.
In aggiunta, grazie al pulsante di memoria, permette di richiamare le ultime 9 misurazioni effettuate.


La versione Essential (0700A2 Essential) comprende: 1 termometro e 1 manuale d’uso.
In vendita in: farmacie, sanitarie, negozi di prima infanzia

Mod. 01500A3

Ha le stesse prestazioni del mod. 0700, ma grazie all’apposito pulsante “casetta”, permette di visualizzare direttamente la temperatura degli oggetti senza dover sottrarre alcun valore. Inoltre, usando il pulsante “casetta”, è possibile misurare la temperatura del bambino, sempre a distanza, sull’ombelico o sull’ascella.
Questa funzione si rivela utile quando non è possibile effettuare una misurazione sulla fronte perché il bambino ha la fronte sudata (la misurazione non sarebbe attendibile), sta piangendo, oppure è molto agitato (la misurazione potrebbe essere difficile).
Lo strumento passa allo stato di stand-by dopo 20 secondi di inutilizzo visualizzando la temperatura ambiente per 4 ore prima di spegnersi.
Grazie al pulsante di memoria, permette di richiamare le ultime 9 misurazioni effettuate.
Thermofocus 01500A3 è consigliato a chi desidera avere sempre precisione e comodità d’uso.La confezione comprende: 1 termometro e 1 manuale d’uso.

In vendita in: farmacie, sanitarie, negozi di prima infanzia

 

Modelli professionali 01500A/H1N1 e 0800H5

DISCLAIMER
L’accesso alle informazioni sottostanti comporta l’accettazione, da parte dell’utente, del contenuto del presente Disclaimer.
In ottemperanza alle Nuove Linee guida della pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medicochirurgici, fornite dal Ministero della Salute, si informa che la pagina che state per visitare include informazioni tecniche riservate esclusivamente ad operatori sanitari o professionali, e che non è stata realizzata con scopi pubblicitari o promozionali, ma solo con finalità di informazione tecnica.
Cliccando sul pulsante OK, l’utente dichiara, sotto la propria responsabilità, di essere in possesso di uno dei sopra indicati requisiti, necessari per la consultazione delle informazione tecniche.

MISURAZIONE DELLA TEMPERATURA CORPOREA
– Aprite il cappuccio protettivo facendolo ruotare di circa 90°.
– Premete il pulsante Pulsante_faccia(mod.01500A3) e tenetelo premuto: il termometro si attiverà e si accenderanno le due luci di puntamento.
– Avvicinate il termometro perpendicolarmente al centro della fronte e muovetelo avanti o indietro fino a visualizzare un unico punto luminoso. Se il termometro è troppo lontano si vedranno due punti sfocati (fig. 1); se è troppo vicino si vedranno due punti nitidi (fig. 2). Quando sulla fronte si vedrà un unico punto luminoso, significa che il termometro si trova esattamente alla distanza corretta (fig. 3).
– Rilasciate il pulsante tenendo fermo il termometro fino al lampeggio delle luci.
– Leggete il valore visualizzato sul display. Se necessario è possibile eseguire immediatamente un’altra misurazione.
– Chiudete il cappuccio protettivo.
Il display mostra l’ultima lettura per alcuni secondi, dopo di che mostrerà la temperatura ambiente per 4 ore prima di spegnersi automaticamente.

Non temete se le luci di puntamento vengono inavvertitamente indirizzate negli occhi: sono innocue!

Thermofocus01500A3_Istr

MISURAZIONE DI ALTRE TEMPERATURE

È possibile usare Thermofocus anche per rilevare la temperatura di oggetti, liquidi o di altre superfici, con temperatura tra 1 e 55°C. Ad esempio:
– la temperatura del biberon, della pappa, del bagnetto;
– la temperatura ambiente;
– la temperatura in corrispondenza di ferite, infiammazioni, cicatrici, ustioni, problemi circolatori (per uso medico).
Procedete come per una misurazione sulla fronte ma premendo il pulsante Pulsante_casa

Leggete attentamente le avvertenze e le istruzioni d’uso.

Come funziona

Thermofocus rileva a distanza le emissioni infrarosse emesse naturalmente dal corpo o da qualunque oggetto in funzione delle loro caratteristiche superficiali ed in misura tanto maggiore quanto più elevata è la temperatura corporea.
Thermofocus rileva la temperatura corporea sulla fronte che è la parte del corpo che per prima modifica la propria temperatura man mano che la febbre sale o scende.
L’apparecchio non ha costi aggiuntivi e non richiede cure particolari. L’unica manutenzione necessaria, quando l’apparecchio non è in uso, è semplicemente impedire l’ingresso di polvere o sporco nella guida d’onda dorata situata all’interno del puntale dell’apparecchio, proteggendola con il suo cappuccio protettivo, e cambiare le batterie quando sono scariche (gettandole negli appositi contenitori).

Qual è la temperatura normale?

E’ importante sapere che non esiste un’unica temperatura “normale” uguale per tutti: ogni persona ha la propria ed essa varia nel corso della giornata anche secondo l’attività fisica o mentale svolta (il pianto nel caso di un bambino). Inoltre muta da zona a zona e può essere influenzata dalla temperatura esterna e da vari fattori, a seconda del tipo di misurazione eseguita. Anche le differenze di temperatura tra le varie zone (frontale, orale, ascellare, rettale, timpanica) cambiano da persona a persona.

A causa della dissipazione di calore alla quale le parti non protette da indumenti sono esposte, la temperatura che si può riscontrare sulla fronte di una persona è solitamente più bassa rispetto a quella di altre zone coperte. Per questa ragione, utlizzando il pulsante “on” (serie 0700) oppure “faccia” (altri modelli), il software di Thermofocus applica automaticamente un correttivo in modo da fornire un valore approssimativamente paragonabile alla temperatura orale (che in genere è più bassa della temperatura rettale di un valore variabile fra i 0,3 e i 0,8°C). E’ anche possibile cambiare il riferimento, da orale a rettale: in questo modo il termometro aggiunge 0,6°C.

La temperatura rilevabile con Thermofocus sulla fronte di una persona sana può variare solitamente dai 35 ai 37,5°C, ma in alcuni casi, soprattutto negli adulti e nelle persone anziane, può essere inferiore ai 35°C. Una persona con una temperatura sulla fronte solitamente bassa avrà una soglia dello stato febbrile inferiore rispetto ad una persona la cui temperatura è normalmente più alta e viceversa. Per questo, per valutare meglio eventuali stati febbrili, è opportuno conoscere la temperatura di ogni membro della famiglia in condizioni di salute ottimali e nei vari momenti della giornata.

Termometro infrarosso a distanza Thermofocus

 TECHNICAL CHARACTERISTICS

0700A2

01500A3

01500A/H1N1

0800H5

0800H3

Numero di pulsanti

2

3

2

3

Retroilluminazione del display

x

x

Lettura della  temperatura ambiente

solo per 2 secondi

x

x

x

x

AQCS (Automatic Quick Calibration System)

x

x

x

MQCS (Manual Quick Calibration System)

x

obbligatoria

 x

obbligatoria

Target Disc

a richiesta

1 incluso

Brevi istruzioni aggiuntive su sportello batteria

x

x

x

Cordoncino con ulteriori istruzioni aggiuntive

1 incluso

a richiesta

1 incluso

Batterie (incluse)

Tipo 4 AAA/LR03 (preferibilmente alcaline)

Durata Batterie

3 anni o 10.000 misurazioni, secondo l’uso

Risoluzione

0.1°C (0.2°F)

Range misurazioni frontali

34.0/42.5°C (93.2/108.5°F)

Range generale misurazioni (esclusa la fronte)

1.0/55°C (33.8/131°F)

Range di funzionamento (in funzione della temperatura ambiente):

misurazioni frontali

16/40°C (60.8/104°F)

altre misurazioni

*16/40°C (60.8/104°F)

Precisione (test strumentali secondo lo standard ASTM E 1965-98):

da 36 a 39°C (96.8/102.2°F) =

+/-0.2°C (+/-0.4°F)

da 34 a 35.9°C (93.2/96.6°F) =

+/-0.3°C (+/-0.5°F)

da 39.1 a 42.5°C (102.4/108.5°F) =

+/-0.3°C (+/-0.5°F)

da 1.0 a 19.9°C e da 42.6 a 55.0°C =

+2.0/-1.0°C

+/-1.0°C

(da 33.8 a 67.9°C e da 108.7 a 131°F) =

(+3.6/-1.8°F)

(+/-1.8°F)

da 20 a 33.9°C =

+2.0/-0.3°C

+/-0.3°C

(da 68.0 a 93.0°F) =

(+3.6/-0.5°F)

(+/-0.5°F)

Distanza dal soggetto/paziente durante la misurazione: circa 3 cm, calcolata grazie al sistema ottico di posizionamento

*Thermofocus funziona anche in ambienti con temperatura compresa tra 5 e 16°C,

ma in questi casi la precisione non è garantita.

Estratto da documento cod. 915A6/I-3 r.02 090812

DISCLAIMER
L’accesso alle informazioni sottostanti comporta l’accettazione, da parte dell’utente, del contenuto del presente Disclaimer.
In ottemperanza alle Nuove Linee guida della pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medicochirurgici, fornite dal Ministero della Salute, si informa che la pagina che state per visitare include informazioni tecniche riservate esclusivamente ad operatori sanitari o professionali, e che non è stata realizzata con scopi pubblicitari o promozionali, ma solo con finalità di informazione tecnica.
Cliccando sul pulsante OK, l’utente dichiara, sotto la propria responsabilità, di essere in possesso di uno dei sopra indicati requisiti, necessari per la consultazione delle informazione tecniche.

DISCLAIMER
L’accesso alle informazioni sottostanti comporta l’accettazione, da parte dell’utente, del contenuto del presente Disclaimer.
In ottemperanza alle Nuove Linee guida della pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medicochirurgici, fornite dal Ministero della Salute, si informa che la pagina che state per visitare include informazioni tecniche riservate esclusivamente ad operatori sanitari o professionali, e che non è stata realizzata con scopi pubblicitari o promozionali, ma solo con finalità di informazione tecnica.
Cliccando sul pulsante OK, l’utente dichiara, sotto la propria responsabilità, di essere in possesso di uno dei sopra indicati requisiti, necessari per la consultazione delle informazione tecniche.

DISCLAIMER
L’accesso alle informazioni sottostanti comporta l’accettazione, da parte dell’utente, del contenuto del presente Disclaimer.
In ottemperanza alle Nuove Linee guida della pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medicochirurgici, fornite dal Ministero della Salute, si informa che la pagina che state per visitare include informazioni tecniche riservate esclusivamente ad operatori sanitari o professionali, e che non è stata realizzata con scopi pubblicitari o promozionali, ma solo con finalità di informazione tecnica.
Cliccando sul pulsante OK, l’utente dichiara, sotto la propria responsabilità, di essere in possesso di uno dei sopra indicati requisiti, necessari per la consultazione delle informazione tecniche.

Talvolta la temperatura che leggo sul display del mio Thermofocus è troppo bassa rispetto alla temperatura normalmente rilevata. Perché?

  • La guida d’onda potrebbe essere sporca: la presenza di polvere o altro sporco, infatti, filtra il passaggio delle emissioni infrarosse provenienti dal corpo umano e di conseguenza fa sì che Thermofocus rilevi una temperatura più bassa del reale.
    Occorre pulire la guida d’onda delicatamente con un cotton fioc inumidito con alcool. Non utilizzare il termometro per almeno 30 minuti dopo la sua pulizia.
  • La fronte è sudata, il soggetto indossa una mascherina di ossigeno oppure è un soggetto anziano in particolare con profonda rugosità sulla fronte. In questi casi la zona alternativa per la rilevazione della temperatura corporea è il centro della palpebra chiusa (risposta 10). – Sulla fronte sono stati utilizzati olii o cosmetici. In questo caso la differenza rispetto alla temperatura reale può essere di alcuni decimi di grado più bassa, in relazione allo strato di cosmetico presente. Anche in questo caso suggeriamo di rilevare la temperatura corporea al centro della palpebra chiusa oppure, se ciò non fosse possibile, sul collo in corrispondenza della vena giugulare (risposta 10).

Eseguendo misurazioni successive il mio Thermofocus visualizza temperature diverse (di un valore superiore ai 0,2°C). Come mai?

Probabilmente il termometro non viene puntato sempre nello stesso punto e alla distanza corretta al centro della fronte o viene mosso prima che le luci finiscano di lampeggiare: assicuratevi di tenere il termometro perpendicolarmente al centro della fronte e alla distanza corretta indicata dal sistema di puntamento e, dopo aver rilasciato il pulsante, di tenerlo fermo fino a quando le luci lampeggiano. Non posizionate il termometro in punti diversi della fronte, perché otterrete misurazioni non corrette. – il termometro si trovava in una stanza con una temperatura diversa rispetto a quella in cui si effettua la misurazione. Eseguite la stabilizzazione rapida manuale (MQCS), oppure attendete il tempo eventualmente indicato dal conto alla rovescia (AQCS), oppure aspettate dai 10 ai 30 minuti prima di fare la misurazione affinché il termometro possa ambientarsi naturalmente da solo.

Ci sono fattori esterni che possono alterare la misurazione?

Normalmente no, considerando, come situazione normale, quella di un bambino ammalato che si trova a riposo, in casa. Tuttavia, esistono alcune situazioni in cui fattori esterni possono alterare la misurazione. In particolare, Thermofocus non deve essere utilizzato su un soggetto che è esposto alla luce diretta del sole, al calore di un termosifone o caminetto, all’aria fredda (all’esterno, in inverno) o al condizionatore, oppure su un soggetto che stia svolgendo o abbia appena svolto attività fisica, o che si è spostato velocemente da un posto all’altro, (perché, camminando, la fronte viene raffreddata dall’aria esterna).

È possibile prendere la temperatura di un soggetto che proviene da un altro ambiente?

Prima di prendere la temperatura ad un soggetto che proviene da un ambiente diverso da quello in cui si esegue la misurazione (ad esempio dall’esterno della casa), bisogna dare il tempo al soggetto di stabilizzare la propria temperatura all’interno del nuovo ambiente. Per farlo, raccomandiamo che il soggetto stia nella stanza per alcuni minuti, fermo e tranquillo, preferibilmente seduto o a letto.

Come si effettua l’MQCS (Manual Quick Calibration System, Calibrazione Rapida Manuale – solo modello 01500A3)?

In alternativa all’AQCS, o in tutte le  situazioni in cui sia necessario, è possibile correggere immediatamente la temperatura interna del termometro e adattarla a quella reale dell’ambiente in cui si vuole effettuare la misurazione procedendo come segue (effettuare l’operazione in una stanza con temperatura ambiente compresa tra 10 e 40 °C):
1. premete contemporaneamente e rilasciate i pulsanti “faccina” e “casa”: comparirà la scritta “CAL”;
2. entro 10 secondi aprite il cappuccio protettivo e premendo il pulsante “casa” avvicinate il termometro contro una parete interna o un oggetto avente temperatura costante e collocato tra circa 80 e 150 cm dal pavimento;
4. rilasciate il pulsante: il display indicherà la temperatura dell’ambiente. Per essere sicuri che questa temperatura sia verosimile, evitate di puntare il termometro contro pareti che danno sull’esterno o finestre, evitate tavoli, fonti di calore o freddo (caloriferi, condizionatori, lampade, computer, superfici a contatto con il corpo umano, ecc). Si consiglia una parete interna oppure un armadio.
5. Il termometro è pronto per eseguire una misurazione.
Naturalmente la stabilizzazione manuale è possibile anche in assenza del conto alla rovescia in caso ci si debba spostare tra locali con temperature diverse.
Anche questo sistema metterà il termometro in grado di eseguire misurazioni corrette, e, quando in stand-by il simbolo “MQCS” indicherà che il termometro ha subito la calibrazione. Oppure è possibile lasciare il termometro nella stanza attendendo dai 10 ai 30 minuti a seconda della differenza di temperatura.

Come avviene l’AQCS (Automatic Quick Calibration System, Calibrazione Rapida Automatica)?

Se il termometro viene manipolato a lungo o se tra il luogo in cui è stato immagazzinato il termometro e quello in cui si vuole eseguire la misurazione c’è una certa differenza di temperatura, il termometro attiva automaticamente un conto alla rovescia che inviterà ad attendere la stabilizzazione automatica. È sufficiente attendere la fine del conto alla rovescia, solitamente circa 3 minuti, senza toccare il termometro affinché esso completi la stabilizzazione. Se il termometro, durante il conto alla rovescia, continua a rilevare delle alterazioni della temperatura (ad esempio perché il termometro viene maneggiato, spostato continuamente, si trova in correnti d’aria o vicino a fonti di riscaldamento o raffreddamento) automaticamente aggiornerà il conto alla rovescia. È comunque possibile effettuare una misurazione prima della fine del conto alla rovescia, ma il risultato potrebbe non essere corretto, soprattutto in caso di temperatura in aumento. Al termine del conto alla rovescia il termometro sarà in grado di eseguire misurazioni corrette. Quando in stand-by, il simbolo “RE” indicherà che il termometro ha subito l’AQCS.

La temperatura visualizzata con Thermofocus è uguale a quella rilevata con altri termometri e in altre parti del corpo?

La temperatura rilevata sulla fronte con Thermofocus, impostato in modalità ascellare, è normalmente molto simile alla temperatura ascellare rilevata con altri termometri. Quando è impostato in modalità orale o rettale la temperatura rilevata è normalmente molto simile rispettivamente alle temperatura orale e alla temperatura interna rettale rilevata con altri termometri.
Per ottenere questo risultato, il software interno di Thermofocus applica automaticamente un correttivo che compensa la dissipazione di calore alla quale la fronte è normalmente esposta, non essendo protetta come invece sono le altre parti del corpo (ascella, bocca e retto).
Tuttavia, la differenza della temperatura misurata in diverse parti del corpo (ascella, bocca, retto, fronte) non è uguale per tutti, ma è variabile da persona a persona: ad esempio, la differenza fra la temperatura rettale e quella ascellare in alcune persone può essere di pochi decimi di grado, in altre può essere superiore ad 1°C.
Quindi può succedere, in alcune persone, che la temperatura frontale possa differire da 1 fino a 5 o 6 decimi o talvolta anche di più, rispetto alla temperatura misurata in altre parti del corpo.
Per valutare meglio eventuali stati febbrili, è quindi opportuno conoscere la temperatura di ogni membro della famiglia in condizioni di salute ottimali e nei vari momenti della giornata in modo da poterla prendere come riferimento in caso di febbre. Ad esempio, un soggetto con una temperatura particolarmente bassa in condizioni di buona salute avrà una soglia della febbre più bassa rispetto ad un soggetto con una temperatura normalmente alta. Per aiutarvi, potete utilizzare questa tabella).

Posso usare Thermofocus anche se proviene da una stanza con temperatura diversa?

Tutti i termometri ad infrarossi devono conoscere la temperatura ambiente, per questo motivo tutti i costruttori indicano di attendere un certo tempo (solitamente da 10 a 30 minuti o anche di più, a seconda della differenza di temperatura considerata) prima di utilizzare il termometro nel caso in cui venga spostato tra ambienti con temperature diverse. Thermofocus, elimina questo tempo di attesa grazie a due esclusivi sistemi di stabilizzazione rapida brevettati: l’AQCS e l’MQCS

Posso cambiare l’impostazione da gradi Celsius a gradi Fahrenheit?

Il vostro termometro è uscito dalla fabbrica con impostazione °C o °F a seconda del paese di destinazione (in Italia °C), ma, se necessario, potete cambiarne il riferimento. A termometro in stand-by, premete e tenete premuto il pulsante “Mem” (o “faccia” o “on” nei modelli meno recenti); dopo circa 8 secondi, la visualizzazione cambierà mostrando la sequenza delle impostazioni: °C, °F, AXILLA, ORAL, RECTAL. Quando appare l’impostazione desiderata (°F o °C) rilasciate il pulsante. Dopo qualche secondo, il termometro sarà pronto per effettuare una misurazione con la nuova impostazione.

Posso cambiare l’impostazione da orale a rettale ad ascellare?

Il vostro termometro è uscito dalla fabbrica a seconda del paese di destinazione con impostazione ASCELLARE, RETTALE o ORALE.
A termometro in stand-by, premete e tenete premuto il pulsante “Mem” (o “faccia” o “on” nei modelli meno recenti); dopo circa 8 secondi, la visualizzazione cambierà mostrando la sequenza delle impostazioni: °C, °F, AXILLA, ORAL, RECTAL. Quando appare l’impostazione desiderata (AXILLA o RECTAL o ORAL) rilasciate il pulsante. Dopo qualche secondo, il termometro sarà pronto per effettuare una misurazione con la nuova impostazione. Quando il termometro è impostato su RECTAL, la temperatura visualizzata è di 0,6°C superiore a quella visualizzata con l’impostazione ORAL. Quando è impostato su ORAL la temperatura visualizzata è 0,2°C superiore a quella visualizzata con l’impostazione AXILLA.

Posso fare in modo che il mio Thermofocus si spenga subito dopo l’utilizzo?

Il vostro Thermofocus (modello 01500A3) è uscito dalla fabbrica con impostazione “MASSIMA PRESTAZIONE” (in Italia) (display acceso dopo l’uso, con visualizzazione della temperatura ambiente per 4 ore prima di spegnersi), ma se preferite potete cambiare l’impostazione in “RISPARMIO ENERGIA” (display che si spegne 20 secondi dopo l’ultima misurazione). A termometro in stand-by, premete e tenete premuto il pulsante ”Mem” (o “faccia” nei modelli meno recenti); dopo circa 8 secondi, la visualizzazione cambierà mostrando la sequenza delle impostazioni: °C, °F, AXILLA, ORAL, RECTAL, “casa” on, “casa” off. Quando appare l’impostazione desiderata (“casa” on oppure “casa” off) rilasciate il pulsante (“casa” on significa che il display mostrerà la temperatura ambiente per 4 ore, “casa” off invece che si spegnerà 20 secondi dopo l’ultima misurazione).

Se Thermofocus visualizza la temperatura ambiente quando è in stand-by, il consumo delle batterie aumenta?

Thermofocus va in stand-by 20 secondi dopo l’ultima misurazione, visualizzando la temperatura ambiente per 4 ore prima di spegnersi. Quando va in stand-by, anche se il display rimane acceso visualizzando la temperatura dell’ambiente, il termometro non rimane completamente attivo ma va nella posizione di riposo, con bassi consumi, inferiori a quelli di un telefono cellulare quando non è in uso. L’autonomia con batterie nuove è di circa 3 anni o 10.000 misurazioni secondo l’uso.

Perché Thermofocus visualizza la temperatura ambiente? (solo il modello 01500A3)

Oltre che per la comodità di avere un termometro clinico che funge anche da termometro per l’ambiente, lo scopo fondamentale è di controllare che la temperatura del termometro corrisponda costantemente alla reale temperatura ambiente, per poter effettuare misurazioni in condizioni di completo ambientamento del termometro stesso.

Dopo la prima misurazione quanto tempo devo aspettare per farne eventualmente un’altra?

Con Thermofocus è possibile eseguire immediatamente altre misurazioni senza alcun limite.

Cosa succede se le luci vengono puntate inavvertitamente negli occhi?

Non succede niente, le luci di puntamento sono innocue. NON SONO RAGGI LASER!

Esiste una zona alternativa al centro della fronte?

In presenza di sudore sulla fronte, si consiglia di effettuare la rilevazione facendo una brevissima scansione sulla palpebra chiusa, sempre utilizzando il pulsante “faccina”. Non preoccupatevi se il soggetto dovesse aprire gli occhi durante la misurazione: le luci sono innocue. Vi possono essere variazioni delle prestazioni, ma questa misurazione può essere considerata una valida approssimazione della temperatura corporea e un indicatore di febbre.

Ci sono situazioni in cui Thermofocus non deve essere usato al centro della fronte?

Thermofocus potrebbe non essere in grado di effettuare rilevazioni attendibili se la fronte è sudata o se il soggetto indossa una maschera di ossigeno, oppure su un soggetto anziano soprattutto con elevata rugosità sulla fronte.
In caso di sudore non è sufficiente detergere la fronte o asciugare il sudore, poiché le misurazioni non corrette non dipendono dalla presenza delle goccioline di sudore ma dalla dissipazione di calore in atto durante la sudorazione.
Le mascherine di ossigeno non sono a tenuta ermetica,e per questo motivo può succedere che il flusso d’ossigeno raffreddi la fronte: la temperatura rilevata non sarebbe corretta.
Le persone anziane, in particolare con una rugosità marcata, presentano una bassa vascolarizzazione della fronte. In tutti questi casi la fronte avrà una temperatura più bassa rispetto alla reale temperatura corporea.

Perché la fronte è il luogo ideale per misurare la temperatura?

La fronte è irrorata dall’arteria temporale ed è l’unica parte della testa non coperta da capelli a diretto contatto con il cervello. Inoltre, normalmente la testa è la parte del corpo che per prima cambia la propria temperatura man mano che la febbre sale o scende. Questa caratteristica è molto utile perché consente di avere un’informazione predittiva rispetto all’andamento della febbre. Ecco perché talvolta è possibile trovare febbre sulla fronte e non in altre parti del corpo o viceversa. Significa semplicemente che la febbre sta salendo oppure sta scendendo.

Qual è il range di funzionamento di Thermofocus?

L’intervallo di misura della temperatura corporea (pulsante “faccina”) va dai 34 ai 42,5 °C.
L’intervallo di misurazione della temperatura di oggetti, liquidi e superfici (pulsante “casa) va da 1 a 55 °C.
Thermofocus è in grado di lavorare in ambienti con temperature comprese tra i 16 e i 40 °C. E’ possibile utilizzare il termometro anche in ambienti con temperature inferiori ai 16 °C ma l’accuratezza e il range operativo non sono garantiti.

Thermofocus può essere usato per misurare la temperatura corporea a persone di qualunque età?

Per la comodità d’uso, la non invasività e la rapidità delle misurazioni, Thermofocus é stato concepito per i bambini, ma può essere usato anche dagli adulti. E’ importante però tenere presente che, a volte, nelle persone anziane la temperatura rilevata con Thermofocus potrebbe essere più bassa del reale.

Perché è così importante che il termometro sia alla distanza esatta?

Perché il “field of view”, cioè l’area di lavoro di ogni sensore infrarosso, ha forma conica: ciò significa che più ci si allontana dalla superficie, più si allarga la base del cono, cioè l’area della quale si rileva la temperatura.
Se, per esempio, la distanza dal centro della fronte fosse maggiore di quella prevista, il termometro includerebbe nell’area di misurazione anche la temperatura delle sopracciglia e degli occhi, o dei capelli. Se la distanza fosse ancora maggiore, includerebbe la temperatura di tutto il viso. In questi casi, La temperatura rilevata non sarebbe corretta essendo una media della temperatura di tutte le parti del viso incluse nell’area del “field of view”.

Qual è la distanza corretta per utilizzare Thermofocus?

E’ il termometro stesso che visualizza la distanza corretta, tramite il suo sistema di puntamento brevettato: se il termometro è tenuto troppo vicino o troppo lontano si vedranno due punti luminosi (rispettivamente nitidi o sfocati). Quando potete visualizzare un unico punto luminoso, il termometro è alla distanza giusta per una misurazione corretta della temperatura.

Come lavora Thermofocus?

Thermofocus rileva le emissioni infrarosse provenienti da ogni corpo e, nello specifico, dalla fronte degli esseri umani. Nel momento in cui viene rilasciato il pulsante, Thermofocus esegue, in pochi centesimi di secondo, una serie di oltre 100 rilevazioni che vengono amplificate ed elaborate dal suo sofisticato microprocessore, insieme al valore della temperatura ambiente proveniente da un termistore incorporato all’interno del sensore. I dati vengono comparati con i parametri presenti nella memoria ed il risultato di queste elaborazioni é la temperatura che viene visualizzata sul display.

Quali vantaggi ha Thermofocus?

Thermofocus è in grado di rilevare la temperatura corporea senza toccare la pelle: il vostro bambino non sarà infastidito dalla misurazione della temperatura; se dorme, non si sveglierà e se è già sveglio non si spaventerà ma sarà incuriosito e vorrà giocare con voi e con Thermofocus.
Il suo sistema di puntamento ottico garantisce che la distanza sia corretta e che sia corretta di conseguenza anche la misurazione. E’ facile da usare, accurato, sicuro e veloce. Non si corrono rischi di rottura come potrebbe succedere con i termometri di vetro. Infine, a differenza degli altri termometri non ha bisogno di essere disinfettato e non necessita di nessuna protezione igienica. Queste caratteristiche lo rendono igienico riducendo il rischio di contaminazione incrociata.